Verifica disponibilità
 
 
 




Numana, la signora della Riviera del Conero

Un antico borgo di pescatori affacciato sull'Adriatico e immerso nel verde dei boschi del Parco del Conero.

La Spiaggia dei Frati a Numana, poco prima del tramonto.
Una delle caratteristiche viuzze del centro.
Vista dal'altro della Spiaggiola di Numana.

SPIAGGE PER TUTTI I GUSTI

Le spiagge e le acque di Numana da anni vengono premiate con il titolo di Bandiera Blu europea per la pulizia e la vivibilità che le contraddistingue. Un lungomare che dalla parte alta della città si snoda fino a Marcelli declinando litorali diversi e adatti a qualsiasi esigenza. Dalle spiagge selvagge e nascoste delle insenature del monte Conero, alle ampie distese di ghiaia degli stabilimenti balneari attrezzati con tutti i servizi.

UNA TERRAZZA A PICCO SUL MARE

Numana conserva la sua origine marinara nella parte alta, dove un fitto reticolo di viuzze abbraccia le colorate casette dei pescatori e si apre poi in un ampio belvedere affacciato sul mare. Una terrazza dal panorama unico che spazia su tutta la costa della Riviera del Conero.
Dal centro si scende verso il porto attraverso l'antica via a gradoni che i pescatori percorrevano ogni mattina all'alba. Qui c'è la parte bassa di Numana, quella più moderna e vivace, ricca di locali e stabilimenti.

NUMANA LA "VETUSTISSIMA", TRA STORIA E TRADIZIONE

La storia di Numana ha inizio in tempi remoti, tanto che già nel Neolitico si contavano insediamenti umani. Testimonianze di questo antico passato sono conservate nell'Antiquarium statale, museo archeologico dove sono esposti reperti di grande pregio.
Le tradizioni di questa città sono spesso legate al miracoloso Crocifisso, conservato nell'omonimo Santuario. Secondo la tradizione fu eseguito da coloro che deposero il corpo di Cristo dalla croce, in ogni caso al di là della leggenda rimane un'opera di notevole pregio artistico e storico con le sue fattezze di stile bizantino.

Visita il sito del Comune di Numana



Curiosità
La sciabiga, tipica dei pescatori numanesiLe antiche famiglie di pescatori erano solite praticare la "sciabiga", la pesca della tratta.
Una tecnica povera di pesca che utilizzava le reti e poteva essere praticata anche dai non professionisti.